Tech Open Air: festival di arte, musica e…Start up!

di Emily Carrano

Se non avete ancora prenotato le vacanze e state pensando di trascorrere un paio di giorni diversi dal solito allora vi consigliamo un last-minute per Berlino, dove l’1 e il 2 agosto, quest’ anno, si terrà il Tech Open Air: festival per le Start up che unisce arte, musica e tecnologia. Continua a leggere

Kyubo: rompicapo e azione nel mercato delle App-game

Kyubo

di Rossella Presenza

Due giovani amici accomunati da un’unica passione:

Marco Rapino, ex cervello in fuga, lavorava in Finlandia alla Rovio Entertainment dove ha collaborato come programmatore responsabile ad Angry Birds, torna nel paesino d’origine, Lanciano (in provincia di Chieti). Di fronte ad una tazza di thè, inizia a buttare giù idee per la realizzazione di un gioco, mentre l’amico, Sandro Mendozzi, cerca di abbozzare un burattino di cartone che diventerà il personaggio principale (come rivela nell’ intervista di Piergiorgio Di Rocco). Continua a leggere

Imparare è divertente nel nuovo millennio

bambola di pezza

Foto di Giuseppe Moscato

di Laura Brugnoli

Nella homepage formichine camminano e ranocchie strizzano l’occhio, robottini invitano a scaricare le app educative di Ebooks&Kids disponibili su iOS, Android e Windows mobile 8.0. L’idea è stata di Giovanna Pellizzari e Massimo Mauri che insieme, questo febbraio,  hanno deciso di fondare una società di editoria digitale per lanciarsi nel mercato fertile delle app per bambini aprendo la loro start-up.

Continua a leggere

Le piattaforme di crowdfunding in Italia

crowdfundingdi Valentina Gasperini

Torniamo a trattare un tema caro a PlacEvent: il crowdfunding.
E questa volta lo facciamo con una colorata infografica!

Ma prima, ecco spiegati i modelli a cui fa riferimento: Continua a leggere

TEDMED: la palestra delle idee!

di Serena Bucci

Lo scorso 20 aprile Bologna ha ospitato il primo TEDMED italiano nell’Aula Magna dell’Istituto Ortopedico Rizzoli.

 TEDMED è una comunità multi-disciplinare di innovatori e leader che condividono la comune determinazione di creare un futuro migliore per la salute della medicina. Nata negli Stati Uniti, e diffusa in tutto il mondo, la comunità TED viene definita “un centro SPA mentale, dove prendono vita idee interessanti e frizzanti, dove medici, ingegneri, matematici e chimici condividono le loro idee, opinioni e scoperte che, nel loro piccolo, possono cambiare il futuro della medicina”.  Continua a leggere

Da grande voglio essere startupper!

1814076953-1di Emily Carrano

Nata come associazione no profit nel 2011, InnovAction Lab si propone di aiutare giovani universitari ma anche tutti coloro con forte motivazione personale ad acquisire le capacità necessarie per realizzare un progetto innovativo e a presentarlo in modo efficace a venture capital.
Continua a leggere

Addio al vecchio Curriculum cartaceo

di Serena Bucci

Gettate pure il vostro caro curriculum e iniziate a compilare curricula online e a sottoporvi a colloqui sul web. Negli ultimi anni aziende e startup effettuano il reclutamento del personale quasi esclusivamente tramite web. Molti di loro si affidano ai loro siti internet, dove è possibile compilare una breve descrizione delle esperienze e delle qualifiche acquisite dal candidato, allegando il proprio curriculum, altri invece si affidando a nuove piattaforme che arrivano da oltre oceano come Startuphire e Hireart o a siti più tradizionali come Linkedin e Google.

Continua a leggere

Aron Pilhofer: a man or a team?

Aron Pilhofer MediaOn di Alessia Angelo

Aron Pilhofer è il redattore di News Interactive The New York Times e come sia arrivato al vertice di una redazione così importante ed influente nel mondo giornalistico ce lo riferisce la sua brillante esperienza sul campo.

Inizia la carriera da professionista come editor di database presso il Center for Public Integrity di Washington, segue come giornalista di progetti per Gannett nel New Jersey e Delaware e di progetti di formazione del personale per Investigative Reporters and Editors. Passa poi a giornalista del team di rendicontazione al The Times,  fino ad arrivare ad essere il redattore di  The New York Times.

Continua a leggere

Intervista a Marco Gualtieri, fondatore di TicketOne

Immaginedi Marco Sbarbati

Marco Gualtieri, classe ’70. Dal suo profilo Twitter si legge: TicketOne founder ’98 and startupper for others digital companies. Producer 4 artists in music and visual arts (also a movie). Enterpreneur in diff.businesses.

Ci parli di TicketOne, come è nata?

Prima di fondare TicktOne stavo lavorando ad un’idea per fornire servizi ai turisti stranieri in Italia. Ho sempre pensato che la prima risorsa del nostro paese fosse la bellezza del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico. Un giorno mi è capitato di leggere un articolo sul giornale in cui si parlava di come i commercianti fiorentini fossero indispettiti dal fatto che i turisti, costretti a stare in coda per ore fuori dai musei, non facessero acquisti. Mi sono subito reso conto che c’era del vero in quella polemica e che, quindi, si poteva fare qualcosa per migliorare quel tipo di servizio.  Continua a leggere

Come eravamo? Appunti dal primo incontro

di Angela Santarsiero

Ci siamo incontrati tutti il 21 Gennaio 2013, alla giornata di orientamento dedicata alle nuove professionalità legate al web. L’incontro ha visto anche la partecipazione di laureati e professionisti nel campo della comunicazione, oltre che di molti studenti, che hanno illustrato l’industria tecnologica del Web. Quel che è emerso dichiara che il settore in questione, negli ultimi anni, sta diventando molto importante e conseguentemente in crescita; infatti, secondo i dati riferitoci, in Italia 41 milioni di persone usano internet; a farla da padroni sono soprattutto i Social media, con l’85% di tasso di penetrazione, il più alto in Europa, un dato non molto inaspettato se pensiamo che solamente Facebook è usato da 30 milioni di italiani.

Formarsi professionalmente attraverso il Web richiede diverse caratteristiche di competenza, flessibilità e intraprendenza; difatti le nuove professioni che emergono pensano alla piattaforma di internet come il luogo migliore per pianificare la comunicazione, fissare obiettivi, gestire i contenuti di un sito (ad esempio WordPress come software per la creazione di siti tra i più accessibili), e come promuoverlo attraverso tecniche di Web marketing.

I social network rappresentano dei canali molto importanti per la promozione di un sito o di una Business page aperta da un’azienda, ma anche per alcune categorie di professionisti quali comunicatori, giornalisti, associazioni ed enti, anche Twitter e Google Plus sono tra gli strumenti più efficaci, senza tralasciare Pinterest, un social media tra i più importanti per chi si interessa di moda, spettacolo, fotografia, design e altro.

Un utilizzo consapevole e strategico di questi canali vuol dire avere l’opportunità di progettare start-up. Organizzare un evento imparando anche a servirsi dei social media come strumento di relazione è il modo migliore per sfruttare queste possibilità offerte dal web, utilizzando tutte le modalità di gestione che la rete offre.

In tema di start-up Nicola Bruno ci racconta la fondazione di “Effecinque” e i temi inerenti il mercato verso cui le nuove imprese si muovono, le modalità di finanziamento da parte di pubblici e privati e i nuovi modelli di business che oggi tentano di agevolare l’ingresso di giovani talenti al complesso mondo del lavoro. Attività che nascono attraverso piani di fundraising, ovvero finanziamenti imprenditoriali, tramite i quali si ha la possibilità di emergere esponendo i propri progetti, applicandoli alla ricerca di fondi. Inoltre, Andrea Pauri ci illustra le idee e la creatività che sono alla base del successo della comunità di TEDMEDLive. Un contributo importante ci è stato offerto anche dai fratelli Renato e Salvatore Geremicca, i quali hanno dato delucidazioni un po’ più concrete riguardo gli aspetti tecnici di un evento.

All’inizio della nostra attività di laboratorio le domande erano: come si organizza un evento? Quali sono i primi passi da seguire? Per quali fasi bisogna procedere? Chi contattare e in che modo?

Creare un evento che ruota intorno alla comunicazione come innovazione, in un gruppo di lavoro di trenta persone alle prime armi, dove a volte emergono punti di vista diversi, svariarti dettagli da far combaciare, rispettare i tempi giusti, può essere tanto complicato quanto più rappresenti una grande opportunità che ci viene offerta per esporre alle aziende le nostre competenze, ad aprirci le porte in un momento che sembra essere il più adatto per concentrare le nostre forze verso un nuovo scenario di comunicazione.Image