Ministero del Lavoro: chiarezza in materia di crowdsourcing

downloaddi Alessia Bertolaso

Su interpello di Confindustria il Ministero del Lavoro si è pronunciato in merito alla giusta interpretazione dell’ art. 4 del D.Lgs. n. 276/2003 (legge Biagi).  In particolare è stato precisato che le imprese titolari di siti di crowdsourcing non sono tenute ad ottenere l’autorizzazione ministeriale preventiva per la somministrazione del lavoro. Questo purché l’attività del sito non abbia come finalità quella della selezione del personale.

Continua a leggere

Annunci