Sapersi differenziare online: consigli da una professional blogger

di Yvonne Venturetti

Foto di: CORECOM E.R.

Foto di: CORECOM E.R.

Creatività, spirito innovativo, determinazione, ma anche professionalità. In un nome: Francesca Sanzo. Professional Blogger, Social Media Strategist, Digital PR e startupper bolognese che, nel variegato panorama digitale, ha saputo valorizzare con successo le proprie specificità, attraverso un personal branding efficace.

Continua a leggere

Annunci

Idea Ginger, crowdfunding per l’Emilia Romagna – Intervista

immagine ginger

Immagine dal sito www.ideaginger.it

Idea Ginger è la nuova piattaforma di crowdfunding territoriale per l’Emilia Romagna. Nata dall’ingegno di cinque ragazze, laureate presso l’Università di Bologna, la piattaforma è stata lanciata il 18 giugno. Abbiamo incontrato Martina Lodi e Nicole Maffi, entrambe project managers, durante il loro workshop tenuto venerdì 21 durante il festival perAspera. Continua a leggere

Tutti narcisisti con Twitter e Facebook

Narciso, di Salvator Dalì

Narciso, Salvator Dalì

di Francesca Perrino

Ormai utilizziamo i social network per le esigenze più disparate. La  maggior parte di noi ha una pagina Facebook , o un profilo su Twitter, o entrambe.

Interessante è uno studio dell’Università del Michigan che si è occupato di  tracciare i profili dei vari utenti e il loro rapporto con i social network, a seconda della generazione di appartenenza. Continua a leggere

Startup&people: dal network al team

di Alessandra Minuto

Il team di placevent @stratuo&peopleE’ il 10 Aprile quando un gruppo del team di Placevent partecipa all’evento Startup&people. Brain storming Lounge è un’iniziativa dell’Istituto Italiano Imprenditorialità nata da progetti pilota che hanno avuto successo nel 2012. L’interesse e  la partecipazione riscontrati hanno motivato la realizzazione di altri eventi programmati per il 2013 con l’obiettivo di fare network nella città di Bologna.

Continua a leggere

Donne Manager o Mater Familias? Partiamo dall’ Innovazione!

donna-lavora-bambino_600x398di Rossella Presenza

La diminuzione dei matrimoni,  il calo dei tassi di natalità e l’aumento di quello dell’occupazione femminile, sembrerebbero confermare un’apparente tendenza all’idea di donna in carriera a discapito del desiderio di creare una famiglia.

Ma sono davvero così tante le donne del nostro Paese che riescono nel proprio intento?

Ci risponde il titolo dell’articolo del Sole24ore del 3 ottobre 2011: ” In Italia solo il 26% dei manager è donna ”, molto meno della media mondiale. Inoltre, come emerge dai dati di un sondaggio Mind The Bridge, solo l’11% dell’imprenditoria innovativa è al femminile.

Forse è per tale ragione che i numerosi bandi di finanziamento delle StartUp italiane predilige oggi la scelta di quote rosa, per di più giovani e del sud? Qualcosa sta cambiando a partire dalla Rete, ce lo conferma l’iniziativa ‘Talent Donna’, rivolta alle donne che desiderano migliorare la propria attività professionale o avviare un nuovo business, avvalendosi delle potenzialità di Internet (TalentDonna.it).

E per chi è già mamma ed è in cerca di lavoro la cosa si complica, ma grazie all’innovazione non si perde la speranza di non dover per forza compiere una scelta, si crea la possibilità di poter conciliare il tentativo di una carriera col desiderio di concepire un figlio. Esempio lampante ne è la piattaforma di telelavoro per le neomamme italiane, networksmama, nata da un problema condiviso, la voglia/necessità di lavorare e fattasi forza dall’unione e lo scambio di informazioni.

Ma saranno tutte in grado di cogliere la palla al balzo? Adesione e collaborazione sono oggi le chiavi del successo.

Il nostro punto di forza rispetto agli uomini? parte dalla nostra ‘debolezza’ ed è la capacità di reazione, ce lo conferma lo studio condotto dallo scienziato James Flynn, il quale afferma:

sono una “conseguenza della modernità“: stressate da famiglia e carriera, hanno sviluppato la capacità di pensare e fare più cose contemporaneamente. Continua su Le donne sono più intelligenti degli uomini: lo prova la scienza