Elezioni Europee 2014: perché è importante votare?

Photo by “thepoliticalcarnivale.net”

di Valentina Gasperini per Placevent [Hub]

In occasione delle elezioni europee 2014, Europe Direct Emilia-Romagna ha indetto il concorso “Go to vote” per supportare le iniziative che promuovono il comportamento di voto tra i giovani.
Noi dell’Associazione PlacEvent [Hub] abbiamo voluto metterci alla prova con un prodotto sul web che inquadrasse la situazione italiana, attraverso un’ infografica interattiva che si propone di mostrare alcuni dati significativi inerenti i giovani italiani. Continua a leggere

Curriculum 2.0: le infografiche parlano di te

http://jayce-o.blogspot.com/2012/11/graphic-design-resume-and-curriculum-vitae-designs.html

di Chiara Lo Dico

Abbiamo già parlato in un precedente post della quasi scomparsa dei curricula cartacei dalle scrivanie dei datori di lavoro. Il vecchio curriculum formato europeo è infatti in via d’estinzione e sta facendo spazio a nuove tipologie di presentazioni online.

Continua a leggere

Le piattaforme di crowdfunding in Italia

crowdfundingdi Valentina Gasperini

Torniamo a trattare un tema caro a PlacEvent: il crowdfunding.
E questa volta lo facciamo con una colorata infografica!

Ma prima, ecco spiegati i modelli a cui fa riferimento: Continua a leggere

Wi-fi come la toilette: le 10 azioni dei Wwworkers

484393_10200317246886405_2060543557_ndi Chiara Lo Dico

L’8 e il 9 maggio Bologna ha ospitato il Wwworkers Camp, primo meeting nazionale dei Wwworkers, la community italiana che riunisce tutti i lavoratori della rete.  Durante questi due giorni  Sala Borsa ha fatto da palcoscenico a seminari, workshop e racconti di storie di lavoratori che della rete hanno fatto la propria professione.

Ma chi sono i Wwworkers? Continua a leggere

Guru in Action: Aron Pilhofer

Aron Pilhofer by Gabriella Comparato

Aron Pilhofer by Gabriella Comparato

di Valentina Gasperini

Abbiamo raccontato Aron Pilhofer e la sua professione in un post della settimana scorsa, dedicato interamente a lui. Come i lettori più cari sapranno, il direttore di News Interactive del The New York Times è stato un ospite d’eccezione dell’evento Communi.Action targato PlacEvent, tenutosi martedì 23 Aprile presso l’Università di Bologna. La grande attesa per il suo intervento e l’onore di averlo avuto tra gli ospiti hanno collaborato a rendere l’evento intenso e, ammettiamolo, di successo.

Continua a leggere

Il giornalismo ai tempi dell’ Open Data

7651255714_b476e0a77e_bdi Gabriella Comparato

Di Data Journalism abbiamo parlato non molto tempo fa nel nostro blog.
Oggi la massiccia invasione di dati attraverso la creazione di numerose piattaforme open source non rappresenta soltanto una crescente partecipazione collettiva alle discussioni generate intorno a temi d’interesse globale -si pensi al fenomeno Wikileaks, o alle proteste post elettorali in Iran che hanno avuto un’eco fortissima in tutto il mondo grazie a Twitter – ma definisce anche una nuova possibilità di fare giornalismo di qualità. I dati, da soli, servono a poco. E’ compito dei giornali interpretarli e diffonderli. Il Data Journalism consiste proprio nell’analizzare, manipolare e rendere comprensibile il discorso che si cela dietro la montagna di dati che, senza un’ interpretazione adeguata, perderebbero di senso, o rischierebbero di passare inosservati nei meandri del web.

Continua a leggere

Instagram, l’app che rende chiunque un bravo fotografo!

La nostra retedi Chiara Lo Dico

Instagram è un nome che ormai suona familiare a tutti anche se forse non tutti sanno di cosa si tratta. Parliamo dell’applicazione più famosa del momento. Nata soltanto alla fine del 2010, dalle menti di Kevin Systrom e Mike Krieger, e soltanto per i clienti dell’Apple Store, Instagram offre la possibilità agli utenti di scattare una foto con il proprio cellulare, applicarvi poi dei filtri in stile vecchia polaroid e infine condividerla, anche sui vari social.

Tutti gli utenti concordano: Instagram è veloce e facile da usare e rende bella qualsiasi foto. Sarà forse per questo che risulta ai primi posti delle App più odiate dai fotografi! Ma l’aspetto vintage dato alle foto dai filtri, il social direttamente integrato e la possibilità di condivisione istantanea hanno reso la formula vincente.

Continua a leggere