Sessismo 2.0: Un Women contro Google

di Anna Suppa

Provate a digitare su Google, le parole: ”le donne dovrebbero”.
I risultati? Si concludono nel peggiore dei modi. L’autofill, la funzione di auto-completamento di un motore di ricerca, è la capacità di intuire automaticamente quale parola o espressione sta per essere digitata in base alle prime lettere immesse e alle ricerche effettuate abitualmente. Tra le espressioni più frequenti associate alle donne compaiono: “essere schiave”,“restare a casa”, “ non avere alcun diritto”, “essere segregate”,  “non dovrebbero votare”, “non dovrebbero lavorare”, “ hanno bisogno di essere controllate”, “non sono affidabili”, “devono cucinare”, Continua a leggere

Annunci