Frontier – la linea dello stile: la Street Art conquista Bologna

Photo by @tungsteno, Artist Daim

Street Art, riqualificazione urbana e cultura: queste le parole chiave del progetto Frontier – la linea dello stile, un progetto del Comune di Bologna in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, organizzato dall’associazione culturale All Write.

La prima di edizione di Frontier si è svolta nel 2012 e si è contraddistinta per due elementi complementari: da un lato la valorizzazione artistica del Writing e della Street Art attraverso la realizzazione di opere murali di dimensione monumentale, e dall’altro l’approfondimento teorico e critico delle due discipline. Il progetto, curato da Claudio Musso e Fabiola Naldi, si collega idealmente e storicamente alla mostra “Arte di Frontiera. New York Graffiti”, organizzata nel 1984 alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna, evento unico nel suo genere e tra i primi in Europa ad analizzare il fenomeno nato negli Stati Uniti.

Quest’anno Frontier continua il suo percorso storico-artistico all’interno della città di Bologna per ampliare il numero delle opere seguendo un criterio di selezione che intende sottolineare le componenti stilistiche innovative fondamentali per l’evoluzione del Writing e della Street Art. Gli spazi protagonisti della valorizzazione artistica saranno rappresentati da facciate, immobili e luoghi collocati in aree urbane centrali e periferiche connotate da una tensione dinamica, in cui sia in atto o si renda necessaria una riconsiderazione funzionale e identitaria. Spazi pubblici, territori condivisi in cui l’azione artistica opera una modifica sostanziale ponendosi come elemento di attrazione e di rinnovamento della percezione.

Photo by @theblasf Artist Eron

Le superfici individuate dai curatori come ideali per la realizzazione delle opere si dividono in due sezioni:

  • Walls – sezione dedicata alle facciate di grande dimensione collocate nell’area urbana esterna a Viali comprende tre edifici di proprietà comunale a gestione ad Acer e una parete di un edificio scolastico;
  • Boxes – in collaborazione con Gruppo Hera, verranno utilizzati i due edifici presenti in Largo Caduti del Lavoro che sono collocati all’ ingresso della Manifattura delle Arti,
    area in cui è in atto un processo di riqualificazione e rivalutazione.

Nei mesi di luglio, agosto e settembre gli artisti stranieri e italiani che prenderanno parte all’iniziativa e lavoreranno alla creazione di opere site specific di grande portata architettonica e visiva sono: Peeta, Poesia, Nuria, Lokiss, Seikon e RAE Martini.

Inoltre quest’anno Frontier amplificherà la propria presenza sui social attraverso un photo-blog dedicato su Tumblr, verrà inoltre coinvolta la comunità degli Igers bolognesi attraverso un insta-walk nei quartieri che faranno da sfondo al talento degli artisti.

Partecipate e seguite il work in progress dell’iniziativa e  non dimenticatevi di usare l’hashtag #Frontierbo!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...