Are you really my friend?

Are-you-really-my-friend?

Are-you-really-my-friend?

di Alessio Gaccione

Inutile negarlo, Facebook ci ha resi amici…di tanti, forse di troppi. Ma quali sono quelli che davvero possiamo considerare amici? Cercando una risposta a questa domanda la fotografa Tanja Hollander il 31 Dicembre 2010 ha deciso che i suoi 678 amici di Facebook, sparsi per il mondo, andavano salutati di persona. Per controllare quali contraccambiavano il saluto…

Ogni tanto ci capita. Apriamo Facebook e notiamo condivisioni oscene, autoscatti abominevoli ed infine, cosa ancor più grave, post scritti da filosofi mancati che ogni giorno violano l’italiano in modo irreparabile. Per intenderci, l’anno (inteso come unità di misura temporale) per loro è perfettamente uguale al verbo avere (inteso come voce del verbo, terza persona plurale, tempo presente, modo indicativo). Ed allora scattano una serie di domande nella nostra mente: “chi è quella/o che pubblica tali castronerie?”; “dove l’ho conosciuta/o?”; “perché l’ho aggiunta/o?”

Stavo in realtà solo cercando di immedesimarmi in Tanja Hollander. Stavo cercando di comprendere cosa può spingere una persona ad intraprendere un viaggio intorno al mondo per conoscere di persona tutti i suoi amici su Facebook, per di più al 31 di Dicembre.

Il suo viaggio intorno al mondo è diventato poi un progetto fotografico dal titolo “ARE YOU REALLY MY FRIEND?“, che l’ha portata a percorrere 14.677 miglia in quasi 25 mesi in cui ha realizzato quasi 15.000 immagini fotografiche.

Questo breve video in cui è possibile vedere alcune delle fotografie realizzate:

In questi anni di viaggio Tanja è divenuta piuttosto famosa, numerosi siti e blog parlano di lei ed ha inoltre ricevuto numerosi inviti a raccontare la sua idea, anche da prestigiose Università del mondo.

Il racconto dei suoi viaggi è disponibile su Storify e naturalmente su Facebook.

Chiudo permettendomi un consiglio:  al 31 Dicembre trovatevi qualcosa da fare e non accedete a Facebook. Un banale errore grammaticale potrebbe scatenare l’ira di Tanja. E se sentite suonare alla vostra porta l’1 Gennaio non aprite a nessuno. C’è il rischio che una fotografa aggiunta su Facebook, con la scusa di volervi conoscere, possa immortalare i postumi della notte precedente e rendere pubblica la foto incriminata. Il pericolo è dietro l’angolo…

14.677 miglia in 25 mesi, aver attraversato 43 stati con più di 330 case visitate, con più di 15.000 immagini realizzate corredate da qualche video, il suo lavoro è quasi terminato – See more at: http://www.fotonotiziario.eu/index.php/are-you-really-my-friend/#sthash.zzoDxQEP.dpuf
14.677 miglia in 25 mesi, aver attraversato 43 stati con più di 330 case visitate, con più di 15.000 immagini realizzate corredate da qualche video, il suo lavoro è quasi terminato – See more at: http://www.fotonotiziario.eu/index.php/are-you-really-my-friend/#sthash.zzoDxQEP.dpuf
14.677 miglia in 25 mesi, aver attraversato 43 stati con più di 330 case visitate, con più di 15.000 immagini realizzate corredate da qualche video, il suo lavoro è quasi terminato – See more at: http://www.fotonotiziario.eu/index.php/are-you-really-my-friend/#sthash.zzoDxQEP.dpuf
Advertisements

6 thoughts on “Are you really my friend?

    • Certo Anna. Speriamo di non essere nemmeno in grado di riuscire a fare due passi in fila la notte di capodanno, se dovessero suonare al citofono.
      ps. grazie della visita e del commento nel blog. Ti aspetto al prossimo post.

  1. Il lavoro di Tanja è lodevole, però Facebook non va inteso come mezzo per coltivare “legami forti”, ma solo come mezzo per creare un network di “legami deboli”. Granovetter ti dice niente?

    • Non ne dubito Martina. Anzi il mio post ironico voleva solo riportare in una giusta dimensione i legami che si creano su Facebook. Tutt’oggi sono testimone di rapporti di amicizia pluriennali che si sgretolano, come farebbe una fetta biscottata Pam dopo il primo contatto con il latte, solo perchè ci si è dimenticati un like su una foto o si è frainteso un commento. Il mio intento era di sdrammatizzare i legami social, alleggerirli, con la speranza che ci si renda conto che sono molto distanti da quelli reali (questo è il mio pensiero). Spero sia stato anche il pensiero di Tanja. Spero per lei che il suo tentivo di riportare i rapporti creati su Facebook in real life siano solo un modo per sdrammatizzarli oltre che un’occasione per creare un progetto fotografico comunque interessante e degno di post.

    • Bella iniziativa. Potreste raccontarci cosa ha detto Tanja del suo viaggio e del suo relativo progetto fotografico? Sarebbe interessante capire il suo punto di vista e cosa l’ha spinta a compiere quest’avventura. In tutti i casi complimenti per il sito: http://www.mappelab.it/ (che invito tutti a visitare). Complimenti anche per l’idea mappelab e per il progetto Demanio Marittimo Km 278. Magari se ci invitate potremmo venire a trovarvi e farci offrire un cocktail, naturalmente in cambio di…… un sorriso. Chiaramente scherzo. Grazie per il commento al post. Alla prossima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...