BYOD: lavoriamo con ciò che ognuno ha!

dailytech.com

dailytech.com

 di Francesca Perrino 

BYOD è l’acronimo che sta per Bring Your Own Device, ovvero “portare il  proprio dispositivo”. L’idea è entrata a far parte del mondo aziendale da un paio d’anni, quando le imprese hanno deciso di non spendere più risorse per comprare smartphones o tablet ai propri dipendenti, ma di far utilizzare il computer o il dispositivo mobile personale sul posto di lavoro.

In Italia il 63% delle aziende ha adottato questo metodo, e, come spiega Anna Maria Di Ruscio, direttore generale di NetConsulting,  tre sono le considerazioni da fare per spiegare l’espandersi di questa strategia organizzativa:

1) la giornata lavorativa dura ormai 24 ore: si comincia e si finisce controllando le e-mail, si lavora da casa anche oltre l’orario “d’ufficio”;

2) la crescita dell’internazionalizzazione delle imprese ha portato ad un aumento della comunicazione tramite social network, giungendo così a parlare di “supply chain collaboration”;

3) l’ affermarsi del crowdsourcing a tutti i livelli aziendali.

La cosa su cui si vuole premere è che  la tecnologia non cancella posti di lavoro o abolisce il luogo di lavoro, semplicemente ne cambia l’utilizzo e l’organizzazione. Le piattaforme del lavoro social rendono tutto più trasparente e partecipato: sia sul fronte dei dipendenti che su quello dei fornitori.

Non tutte le imprese, però, adottato in modo corretto un’organizzazione di tipo crowd: tranne quelle poche che creano una pagina Facebook di tipo aziendale, sono specialmente le start-up (aziende giovani, fondate da giovani ed innovative) ad essere collocate bene nel mondo social.

Quest’ultime hanno la componente social nel loro DNA; i componenti della stessa vivono in posti diversi e non sempre è possibile incontrarsi “dal vivo”; l’azienda è collocata e diffusa su un territorio vasto, per questi motivi ( e per molti altri) il mondo virtuale diventa sempre più il proprio posto di lavoro.

Navigando ho trovato questo video che spiega in tre minuti le potenzialità del BYOD:

Advertisements

One thought on “BYOD: lavoriamo con ciò che ognuno ha!

  1. Pingback: Blurring: il lavoro ci segue anche in vacanza | #PlacEvent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...