Cancelletti anche per Facebook

#

di Laura Brugnoli

Il termine hashtag deriva dalla lingua inglese ed è l’unione delle parole “cancelletto” ed “etichetta”. Viene utilizzato su alcuni social network per creare collegamenti con altri utenti o altri messaggi contenenti la medesima parola. Per esempio Twitter utilizza questo metodo già da prima del 2009 creando flussi di tweets che trattano la stessa tematica: in questo caso sarà sufficiente inserire il simbolo # prima della parola che esprime il concetto da collegare, come ad esempio: “avvertita una scossa di #terremoto” e il proprio tweet apparirà nei risultati di ricerca per #terremoto.

Anche Facebook nel giugno di quest’anno ha introdotto la funzione # per le tematiche: già da anni era possibile “taggare”, espressione che indica la creazione di un collegamento all’interno della rete, gli amici nei post e nelle foto pubblicate sul social utilizzando @ prima del nome dell’utente, ma ora sarà possibile fare la stessa cosa anche per le parole comuni esattamente come su Twitter.

La Repubblica.it non ha dubbi in merito, definendo gli hashtag un “nuovo strumento per chi fa social advertising”, punta il dito verso i creatori di facebook contraria alla decisione. Ma sono davvero così utili per chi fa marketing?
Utilizzare # per fare marketing e pubblicità non è facile come può sembrare, controllare le conversazioni, indirizzarle a proprio favore senza che il tutto sfugga di mano è molto impegnativo ed anche i grandi marchi, con molto personale, stanno imparando la lezione.

Se la visibilità ha un prezzo nella vita reale, ne ha uno ancora più alto in quella social decisamente più frenetica e velocizzata, una risposta sbagliata o un termine frainteso e s’inciampa in un incidente diplomatico. Se però anche il colosso Facebook ha deciso d’introdurli sarà il caso di pensare che il gioco valga la candela.

Diversamente da twitter, dove la maggior parte dei profili sono pubblici, facebook ha anche molti profili privati e opzioni che permettono di mostrare certi contenuti ad un pubblico scelto. Nonostante l’introduzione del # la generale politica della riservatezza non cambia eccessivamente, ciò che si sceglie di mostrare solo agli amici o a certe liste resta tale anche utilizzando hashtag.

Probabilmente si spera che la seducente promessa del # invogli gli utenti ad andare oltre la propria cerchia di amici ed entrare nelle annunciate liste dei trending hashtags. Nella pratica però il # sarà anche utilizzato nelle ricerche di mercato per capire in che direzione sta andando la moda del momento ed eventualmente cavalcarla.

Advertisements

2 thoughts on “Cancelletti anche per Facebook

  1. Pingback: Facebook: obsoleto o porto sicuro? | #PlacEvent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...