MiMuovo: Smart-infomobilità a Bologna

ab

di Emily Carrano

Si sa, uno dei peggiori problemi per chi si muove in città è proprio quello del traffico e della mobilità, ma il comune di Bologna ha pensato ad una modalità nuova e innovativa per migliorare l’infomobilità on line.
La piattaforma realizzata dal Comune e dalla Regione Emilia-Romagna con il contributo di centinaia di cittadini è il prodotto di un percorso di progettazione partecipata nell’ambito del progetto Smartip “Smart Metropolitan Areas Through Innovation and People”, promosso a partire dal 2011.
Oggi infatti la parola smart viene associata sempre più spesso a quella di città proprio perché è sempre più sentita da parte dei cittadini la necessità di trasformare i nostri comuni e le nostre province in luoghi fatti a misura d’uomo, dove possano essere semplificate numerose attività quotidiane a partire da quelle più banali.

Attraverso questo progetto Bologna ha scelto di utilizzare l’opportunità di SMARTiP per lanciare una sfida di trasformazione dei servizi pubblici con la preziosa collaborazione e il coinvolgimento di cittadini attivi, che servendosi di Internet e delle nuove tecnologie hanno potuto contribuire al loro miglioramento. Obiettivo principale: quello di progettare nuovi servizi on line, centrati sulle reali esigenze degli utenti.

In questo modo la cittadina bolognese ha voluto sia migliorare il sistema di gestione e monitoraggio della mobilità in città, sia aggregare, all’ interno di unico portale, tutte le informazioni utili per muoversi in tempo reale a partire dal numero di posteggi disponibili al tempo percorribile nel raggiungimento di una destinazione.

Ciò su cui si sta lavorando è una vera e propria piattaforma customizzata sulle esigenze e le priorità dei cittadini, le necessità e le loro richieste. In secondo luogo si sta lavorando per capire quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere la piattaforma in cui confluiranno i dati per essere poi resi disponibili nel servizio di infomobilità.

I cittadini partecipano così alla fase di co-design, ma hanno anche la possibilità di inserire i dati nella piattaforma, rielaborarli e aggregarli secondo la lettura più utile. Il loro coinvolgimento infatti è parte fondamentale nella realizzazione dell’intero progetto perché, in questo modo, è possibile capire quanto siano soddisfatti e quali debbano essere le funzionalità dei servizi che ritengono rilevanti ed essenziali.

Un ottimo esempio per dare un valore aggiunto al territorio non solo pensando alle infrastrutture e alle tecnologie digitali, ma soprattutto alla qualità della vita e alla partecipazione di tutti coloro che vivono la città.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...