Incredibol investe sull’industria creativa

Fruit 2013 by Alessandra Minuto

di Alessandra Minuto

Creare un ecosistema territoriale per l’innovazione, una rete di luoghi e di persone, incontro tra pubblico e privato, sono questi gli elementi su cui punta il Comune di Bologna per differenziarsi dalle altre città, ed Incredibol! è un progetto che ha questi obiettivi e supporta questa volontà, offrendo servizi, spazi e contributi, grazie ai vari partner che collaborano all’iniziativa.

Martedì 26 Aprile h19, nella cornice dell’ex ospedale dei Bastardini, che ospitava il Fruit. Self-publishing exhibition 2013, viene presentata al pubblico la terza edizione di Incredibol!. Matteo Lepore (Assessore Relazioni Internazionali della Città, Marketing Urbano, Relazioni Sindacali Esterne all’Ente, Innovazione e Semplificazione Amministrativa, Progetto Smart City e Agenda Digitale) spiega che verranno selezionati nuovi soggetti del settore culturale e creativo che così potranno accedere alle opportunità messe a disposizione dai partner di Incredibol, in un’ottica di consolidamento della rete regionale degli attori sempre più numerosi a servizio delle professioni creative. Ovviamente sono presenti gli interessati alla nuova edizione di Incredibol, ma anche i gestori di spazi di coworking e di incubazione dedicati a progetti d’impresa, insieme ai proprietari di spazi inutilizzati intenzionati ad accogliere progetti di rigenerazione o uso temporaneo.

Incredibol! intende sostenere progetti ben definiti, che illustrino l’idea di sviluppo dell’attività professionale o imprenditoriale delineandone la strategia, il volume di affari, gli investimenti previsti e le previsioni economiche finanziarie. Possono partecipare associazioni, neo-imprese, liberi professionisti e studi associati, attivi e con sede in Emilia-Romagna. Gli specifici settori di interesse dell’avviso pubblico sono individuati in base alla definizione italiana di ‘industrie culturali e della creatività’ inclusa nel Libro Bianco sulla Creatività (MiBAC), ovvero:
I. la cultura materiale
II. la produzione e comunicazione di contenuti
III. il patrimonio storico-artistico

Per i vincitori: tre contributi in denaro di 10.000 euro per lo sviluppo d’impresa e sei contributi in denaro di 5.000 euro per iniziative legate all’internazionalizzazione. Inoltre: uno sportello di affiancamento per la crescita del progetto, attività di formazione, consulenze, supporto promozionale, locali a uso ufficio, laboratorio o magazzino.
L’idoneità è fissata in 60 punti, dei progetti selezionati verranno valutate:
– la qualità del progetto presentato in relazione a potenzialità di sviluppo, professionalità e innovatività (max 25 punti);
– la fattibilità tecnica e sostenibilità economica (max 25 punti);
– l’ accuratezza, qualità e chiarezza della presentazione del progetto (max 15 punti);
– l’attinenza delle competenze dei singoli componenti e delle attività precedentemente svolte (max 15 punti);
– la rilevanza del progetto in relazione al contesto del territorio regionale (max 10 punti);
– la presenza di altri soggetti coinvolti in qualità di partner o per lo sviluppo di sinergie (max 10 punti).
In caso di parità di punteggio si darà priorità ai soggetti con età media dei componenti più bassa.

Il bando scade il 24 Maggio h13!

I risultati ci sono. Un esempio dell’intervento di Incredibol! è Piazza dei colori, all’interno del Villaggio Mattei,  in cui sono stati realizzati spazi destinati alla vita socio-culturale della comunità, incrementando le presenze produttive. Ora vi operano realtà come Teatrino a due pollici, l’Associazione Eugrafia, l’Associazione Angolo B, la cooperativa AGM Studios e l’Associazione Arti e Restauro. A esse si sono aggiunte due imprese vincitrici del bando Incredibol 2012: Tesla Consulting e Manoteca. Il cambiamento apportato da Incredibol! passa anche per via Mirasole, via Miramonte e via Sant’Apollonia.

Sono 92 gli immobili che il Comune di Bologna mette a disposizione anche attraverso il bando “Progetti per l’impresa” per l’insediamento e lo sviluppo di imprese, per la qualificazione di alcune aree del centro storico e della prima cintura periferica ai sensi del DM 267/2004. Un bando più complesso ma con finanziamenti più ingenti che scade il prossimo 11 Aprile.

Incredibol ed il Comune di Bologna credono nell’ industria creativa come motore per la rinascita del nostro Paese, voi che ne pensate?

Annunci

One thought on “Incredibol investe sull’industria creativa

  1. Pingback: Quando il crowdfunding diventa local: Finanziami il tuo futuro e Ginger | #PlacEvent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...