Incubatori in Emilia-Romagna

illu_incubatori

di Alessandra Minuto

Il mese scorso abbiamo parlato di incubatori come strutture adeguate che accolgono start-up innovative, per accelerare lo sviluppo di imprese, offrendogli una serie di servizi, di cui i  più comuni sono:

  • Aiuto per la Business Basics
  • Attività di networking
  • Assistenza di marketing
  • Accesso internet ad alta velocità
  • Aiuto per la contabilità / gestione finanziaria
  • Accesso a prestiti bancari, fondi di credito e programmi di garanzia
  • Aiuto per le tecniche di presentazione
  • Link a risorse di istruzione superiore
  • Collegamenti a partner strategici
  • Accesso a angel investors od a venture capital
  • Programmi comprensivi di business training
  • Bacheche di avvisi e Mentori
  • Scelta del team di management
  • Aiuto con i marchi di impresa
  • Assistenza per la commercializzazione tecnologica
  • Aiuto per la conformità alle normative
  • Gestione della proprietà intellettuale

Rientrano nel programma di business incubation gli imprenditori che richiedono l’ammissione e superano la selezione (secondo criteri di accettazione variabili in base alla natura dell’incubatore stesso). La quantità di tempo che trascorre una società in un programma di incubazione può variare notevolmente a seconda di una serie di fattori.

Come scegliere il proprio incubatore? Da direttiva del Ministero dello sviluppo economico, agli incubatori verrà assegnato un punteggio, sulla base di tutta una serie di caratteristiche, per evidenziarne la maggiore o minore efficienza. La soglia minima da superare sarà quella dei 30 punti, necessari per poter poi presentare la relativa domanda di agevolazioni. Il sito del Ministero ha pubblicato il questionario d’indagine (analizza i settori di attività e gli indicatori relativi al track record) per rientrare in una sorta di “albo degli incubatori”.

Il Prof. Di Menna, nostro docente del Compass, ci segnala tre incubatori sul territorio dell’Emilia-Romagna:

  • AlmaCube, l’incubatore dell’ Università di Bologna, nato in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e la Fondazione Alma Mater, favorisce l’imprenditorialità di origine accademica.
  • Spinner 2013 è il programma che la Regione Emilia-Romagna ha affidato al Consorsio Spinner (costituito nel 2000 dai soci fondatori ASTER, Fondazione Alma Mater e Invitalia),  dedicato alle persone che hanno domicilio in Emilia-Romagna, per lo sviluppo di idee e progetti innovativi e per la valorizzazione dei talenti.
  • We Tech Off è l’incubatore di Aster, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, che supporta la creazione di imprese innovative e ad alto contenuto tecnologico. Il percorso comprende tre fasi, cui corrispondono requisiti di accesso, servizi e finalità diverse: pre-incubazione, incubazione e post-incubazione. Le antenne we tech off sono presenti in quasi tutte le province dell’Emilia-Romagna.

Hai intenzione di avviare una tua attività? Il questionario proposto da We Tech Off ti permetterà di misurare la tua febbre imprenditoriale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...